Audizione Ingrid Deltenre, direttore generale dell’Ebu-European Broadcasting Union

ingrid-deltenre

Audizione direttore generale di Ebu – European Broadcasting Union, Madame Ingrid Deltenre
venerdì 24 marzo

Video integrale

L’intervento di Ingrid  Deltenre

Il primo intervento di Maurizio Rossi

Il secondo intervento di Maurizio Rossi

Le domande di Maurizio Rossi

Gentile Direttore Generale Ingrid Delterne,

In vista della vostra prossima audizione in commissione di vigilanza di venerdì prossimo, desidero anticipare le domande che intendo porre all’Ebu nel mio ruolo di relatore e se possibile vi richiedo di inviare i dati già’ a vostra disposizione.
Le sarei grato inoltre se poteste consegnare le risposte per iscritto oltre che rispondere alle stesse anche nel corso dell’audizione.
Può indicarmi tutti i soci che partecipano ad Ebu?
Quanto paga annualmente la Rai ad Ebu per l’associazione?
La Rai esprime rappresentanti nel consiglio o negli organi direttivi di Ebu? Se si quali?
Le società iscritte ad Ebu sono tutte interamente o in maggioranza controllate da soggetti pubblici, dagli Stati membri, o ci sono anche emittenti non a maggioranza pubblica? Se si quali, in quali Stati.
In tutti gli Stati europei il servizio pubblico è affidato ad un unico soggetto in esclusiva o in alcuni stati il servizio pubblico è fornito da più’ soggetti pubblici o privati?
In tutti gli stati europei come viene definito il servizio pubblico che legittima la richiesta di un canone ai cittadini?
Ci può descrivere i diversi sistemi di come viene inserita la pubblicità nei canali di servizio pubblico europei?
In europa l’affollamento pubblicitario è delineato per ogni singolo canale. In italia esiste una interpretazione unica, originale, che ha consentito sino ad oggi un cumulo degli affollamenti dei diversi canali. Come mai queste differenze da Stato a Stato su temi così importanti che incidono sulla concorrenza del mercato e sulla possibile distorsione dello stesso derivante dal vantaggio competitivo dall’aiuto di Stato, il canone?
In tutta europa nei diversi Stati, i programmi/canali di servizio pubblico televisivo sono da 3 a 5. Come mai in italia ci sono 15 programmi/canali secondo lei? Possono esistere 15 programmi/canali tutti di servizi pubblico?
L’Ebu ha avuto una forte mission quando trattava i diritti sportivi a livello europeo per conto di tutti i soci compresa la Rai. Come mai queste trattative ora non sono più condotte da Ebu e non hanno più consentito di acquistare i diritti di grandi eventi sportivi come le olimpiadi e moltissimi altri eventi lasciando ormai i diritti nelle mani solo di grandi gruppi privati?
Dobbiamo prender atto che il servizio pubblico non è più in grado di competere sui diritti e il costo è considerato da molti stati uno spreco di denaro pubblico?
E’ la fine quindi dello sport in chiaro e gratuito per i cittadini?
Non ritiene sia un forte indebolimento del ruolo del servizio pubblico come immagine sui cittadini che devono pagare altri canali privati per vedere i primari eventi sportivi?
Non ritiene che la legislazione europea sul servizio pubblico dovrebbe essere unificata ed eguale nell’unione su:

- definizione del servizio pubblico e missione del servizio pubblico;
- unicità o pluralità del servizio pubblico;
- definizione chiara, precisa e contestuale al rilascio della concessione dei diritti e obblighi del concessionario come per ogni concessione?
- numero di programmi/canali di servizio pubblico minimo e massimo per nazione;
- affollamento pubblicitario nei programmi di servizio pubblico eguale per tutti in Europa;
- limitazione all’investimento su web dei soggetti concessionari come avviene in Germania al fine di non ledere l’iniziativa privata con investimenti irragionevoli e sproporzionati economicamente di denaro pubblico;
- separazione societaria tra canali di servizio pubblico e canali commerciali come auspicato e raccomandato dall’Europa.

Ringrazio per l’attenzione e resto in attesa di gentile riscontro.

Cordiali saluti

Maurizio Rossi
Relatore in Commissione `Vigilanza della CONVENZIONE SUL SERVIZIO PUBBLICO

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>