Interrogazione Formula 1 in “finta diretta” su Rai 2

ricciardobaku

Scarica l’interrogazione sulla “finta diretta” realizzata da Rai 2 in occasione della gara di Formula 1 del 25 giugno

 

INTERROGAZIONE

Al Presidente e al Direttore Generale della RAI

premesso che:

- si è svolta il giorno 25 giugno scorso, la gara del GP d’Azerbaigian a Baku, ottava tappa del Mondiale F1 2017;
- la gara e’ andata in onda in diretta su Sky alle ore 15.00 e su tutti i media nonché siti e social, sono state rese note le classifiche;
- la gara è stata trasmessa in differita su Rai2 alle 21:10;
- l’impostazione della trasmissione Rai, i commenti, i vari collegamenti, hanno fatto credere agli utenti che la gara fosse in diretta e non in differita. Questo metodo di proporre le repliche sportive, trae certamente in inganno il telespettatore che, se non ben informato, crede di guardare una diretta tv. Altresì crea discredito all’azienda tra gli utenti che sono a conoscenza che si tratta di differita registrata e che il passaggio in diretta in realtà è andato in onda su un’altra rete, anche se a pagamento.
- Il modo di gestire la telecronaca con frasi del tipo “….sta per partire il Gran premio di …”, “…. ci colleghiamo con il nostro inviato!….”, senza una chiara evidenziazione del fatto che la telecronaca è in realtà in differita, non costituisce una gestione trasparente delle trasmissioni da parte dell’azienda del servizio pubblico. In assenza di una costante evidenziazione del fatto che la trasmissione è in differita, l’utente finale, che magari si è collegato in un momento successivo all’inizio della trasmissione, non può che essere ingannato da questo comportamento;
- il servizio pubblico, che percepisce miliardi di euro dai contribuenti, deve essere sempre e totalmente trasparente

si chiede di sapere:

- chi ha autorizzato questa messa in scena e presa in giro degli utenti;
- se questa differita mascherata da diretta, e’ considerata programma di servizio pubblico o programma commerciale;
- quale sia il costo dei diritti acquistati e da chi sono stati acquistati;
- i costi relativi al personale impegnato della Rai e di eventuali services esterni;
- quante persone della Rai sono andate a seguire la gara in Azerbaigian;
- come intende comportarsi l’azienda nelle prossime gare e se ritiene che sia ancora necessario acquistare diritti per la differita.
27/06/2017
Sen. Maurizio Rossi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>